Ufficio Relazioni con il Pubblico

Scegli tra tre diversi tipi di impostazione

Dimensione e tipo di caratteri
Caratteri standard.
Caratteri grandi.
Alta Visibilità.

Organi istituzionali

News dell'Ufficio Tributi

Sisma 2016: le novitą del D.L. 50/2017

Scadenziario fiscale pro residenti nel cratere eventi sismici 2016

Sisma 2016: le novitą del D.L. 50/2017

Il  Decreto  Legislativo  n.50  del  24  aprile  2017  introduce disposizioni  urgenti  in  materia finanziaria,  iniziative  a  favore  degli  enti  territoriali,  misure  per  lo sviluppo  e  ulteriori  interventi per le zone colpite da eventi sismici.
Questi gli  aspetti di maggior rilevanza che  interessano i comuni inseriti nel cratere  del Sisma 2016 in materia di tributi locali:

• La sospensione dei versamenti e degli adempimenti tributari è prorogata dal 30  novembre 2017 al  31 dicembre 2017;

• La  ripresa della riscossione dei tributi non versati per effetto della sospensione è fissata per il  16 febbraio 2018, senza applicazione di sanzioni e interessi (esclusi i titolari di reddito d’impresa, di reddito di lavoro autonomo e per gli esercenti di attività agricole);

• Le   somme   oggetto   di   sospensione possono   essere  versate dai soggetti interessati  mediante  rateizzazione fino  a  un  massimo  di  9  rate  mensili  di  pari  importo, a decorrere dal 16 febbraio 2018  (esclusi i titolari di reddito d’impresa,  di reddito di lavoro autonomo e per gli esercenti di attività agricole);

• Per  i  titolari  di  reddito  d’impresa,  di  reddito  di  lavoro  autonomo  e  per  gli  esercenti  di  attività  agricole la  ripresa  della  riscossione  dei  tributi  non  versati è fissata per il  31 dicembre 2017;

• La  sospensione  dei  termini  per  la  notifica  delle  cartelle di  pagamento  e  degli avvisi  di  accertamento  viene uniformata  a  quella  dei  versamenti.

• La  ripresa  dei termini decorre dalla fine del periodo di sospensione;

• La  sospensione  consente  ai  comuni  di  procedere  con l’emissione  di  avvisi  di pagamento  TARI,  è  però  necessario  che  tali  provvedimenti  contengano
l’esplicito richiamo alla facoltà concessa al contribuente di sospendere il pagamento fino alla  scadenza  fissata  dalla  legge  (31  dicembre  2017 o  16  febbraio  2018 a  seconda dei casi), senza incorrere in sanzioni o interessi.

« torna indietro



Link