Ufficio Relazioni con il Pubblico

Scegli tra tre diversi tipi di impostazione

Dimensione e tipo di caratteri
Caratteri standard.
Caratteri grandi.
Alta Visibilità.

Consiglio comunale dei ragazzi

Regolamento

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI DI MATELICA

Approvato con atto C.C. n. 75 del 29.09.1999
Modificato con atti C.C. n. 41 del 10.05.2000 e n. 25del 24.05.2002


ART. 1
Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle ragazze e dei ragazzi ed al fine di favorire una idonea crescita socio-culturale dei giovani, nella piena e naturale consapevolezza dei diritti e dei doveri verso le istituzioni e verso la comunità, è istituito a Matelica il "Consiglio Comunale dei Ragazzi".

ART. 2
Il Consiglio Comunale dei Ragazzi ha funzioni propositive e consultive da esplicare, tramite pareri o richieste di informazioni nei confronti degli organi comunali, su temi e problemi che riguardano la complessiva attività amministrativa di Matelica, nonché le varie esigenze ed istanze che provengono dal mondo giovanile o dai cittadini in genere.
Relativamente a tematiche di conclamato interesse sociale, quali ad esempio: tempo libero, solidarietà, informazione, ambiente e verde, tale organismo può adottare proposte di spesa, nei limiti del budget in denaro, a ciò appositamente finalizzato, di cui al successivo art. 17.
Alle proposte in questione viene data esecuzione mediante determinazioni conseguentemente adottate dai competenti organismi comunali.

ART. 3
Il Consiglio Comunale dei Ragazzi svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo: la sua organizzazione e le modalità di elezione sono disciplinate dal presente Regolamento.

ART. 4
Le decisioni prese dal Consiglio Comunale dei Ragazzi sotto forma di proposte o pareri, sono verbalizzate da un funzionario del Comune, che assiste alla seduta e sottoposte all'Amministrazione Comunale la quale dovrà formulare risposta scritta circa il problema o l'istanza espressi ed illustrare le modalità che si intendono seguire per le eventuali relative soluzioni.

ART. 5
Il Consiglio Comunale dei Ragazzi potrà richiedere al Sindaco di porre all'ordine del giorno del Consiglio Comunale della Città un preciso argomento per la relativa discussione.

ART. 6
Ai lavori del Consiglio Comunale dei Ragazzi sarà data la massima pubblicità nelle procedure, identiche a quelle seguite per il Consiglio Comunale Cittadino. Le sedute sono pubbliche.

ART. 7
Possono essere eletti quali consiglieri del Consiglio Comunale dei Ragazzi tutti gli studenti della Scuola Media di Matelica, i quali costituiscono anche il corpo elettorale.

ART. 8
Il Consiglio Comunale dei Ragazzi é costituito da 20 componenti più il Sindaco e dura in carica 1 (uno) anno scolastico.

ART. 9
Le elezioni si svolgono secondo i seguenti tempi e modalità:
a) allo svolgimento delle elezioni sovrintende una Commissione mista formata dal Preside, dal Sindaco o da loro delegati e da un funzionario del Comune designato dal Sindaco. La Commissione ha inoltre il compito di fare chiarezza sulle diverse opinioni in merito alla campagna elettorale e alle elezioni nonché decidere su eventuali posizioni di disaccordo o scontentezza; la Commissione ordina e definisce modalità di elezione e tempi quando é necessario anche diversi da quelli stabiliti da questo regolamento;
b) entro il 15 ottobre vengono presentate le candidature presso la Presidenza; le candidature possono presentarsi in modo libero, é ammessa anche l'autocandidatura; in ogni caso il candidato deve dichiarare per iscritto di accettare la candidatura;
c) entro il 20 ottobre il Preside forma la lista dei candidati, disposti per sorteggio, con l'indicazione del cognome, del nome e della classe di appartenenza, il numero dei candidati non può essere inferiore a 40;
d) dal giorno successivo l'esposizione della lista inizia la campagna elettorale che si svolgerà da parte degli studenti nelle forme che, d'intesa con il corpo insegnante, riterranno più opportune (assemblee, volantinaggi, dibattiti di classe, ecc.);
e) le elezioni si svolgeranno esclusivamente in orario scolastico (ore 9-12) e, di norma, il secondo venerdì del mese di novembre con seggi elettorali costituiti nel plesso scolastico;
f) gli elettori riceveranno una scheda sulla quale è riportata la lista dei candidati. La scheda é strutturata in modo da permettere l'indicazione delle preferenze, fino ad un massimo di due, per la carica di consigliere .Deve essere garantita la piena e totale autonomia e segretezza del voto;
g) é proclamato Sindaco il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti e, a parità di voti, il più anziano di età;
h) le operazioni di scrutinio iniziano immediatamente alla chiusura dei seggi. Sono eletti Consiglieri Comunale i primi 20 candidati, successivi al primo proclamato Sindaco, risultanti dal computo delle preferenze riportate. In caso di parità di voti tra gli ultimi candidati risulterà eletto il più anziano di età;
i) il lunedì successivo i risultati dello scrutinio, con la lista e relative preferenze, sono consegnati, a cura del Preside, al Sindaco del Comune di Matelica;
j) il Sindaco, durante la prima seduta utile del Consiglio Comunale, proclama ufficialmente la costituzione del Consiglio Comunale dei Ragazzi e consegna al neo Sindaco la fascia tricolore che sarà indossata nelle cerimonie ufficiali alle quali presenzia. Il neo Sindaco, a sua volta, presta formale promessa nelle mani del Sindaco del Comune;
k) entro il mese di dicembre, su convocazione del Sindaco di Matelica, si svolgerà la prima riunione del Consiglio Comunale dei Ragazzi.

ART. 10
Il neo eletto sindaco nomina i 7 componenti della Giunta, assegnando la carica di vice sindaco al secondo consigliere più votato tra gli eletti e la carica di assessore ai consiglieri successivi in ordine decrescente, assicurando di garantire la presenza di almeno una ragazza e la rappresentanza di tutte le sezioni scolastiche.
Nella prima seduta, il sindaco neo eletto comunica al Consiglio la
nomina dei componenti della Giunta e la proposta degli indirizzi generali di governo.

ART. 11
Il Sindaco eletto avrà il compito di convocare il Consiglio, di presiedere e disciplinare le sedute del Consiglio, di convocare e presiedere la Giunta.

ART. 12
Nel corso del mandato il Sindaco dovrà provvedere alla sostituzione dei consiglieri dimissionari, secondo l'ordine della lista.
In caso di dimissioni del Sindaco nel corso del mandato si procederà alla sostituzione dello stesso con il candidato che lo segue nella lista.

ART. 13
La Giunta eletta si riunirà dove e quando lo vorrà e dovrà discutere e proporre gli argomenti da sottoporre all'attenzione e al dibattito del Consiglio previo accordo con l'istituzione scolastica.

ART. 14
Il Consiglio Comunale dei Ragazzi dovrà riunirsi almeno 2 volte durante l'anno del proprio mandato.
La sede del Consiglio é il Palazzo Municipale - Sala Consiliare.
Nel corso del mandato il Consiglio Comunale dei Ragazzi si riunirà almeno una volta in seduta comune con il Consiglio Comunale di Matelica.

ART. 15
La scuola disciplinerà, al proprio interno in modo autonomo, le modalità per favorire il confronto tra "eletti ed elettori" nell'ambito del proprio "collegio", attraverso "audizioni" o "dibattiti" nelle forme e sedi che si riterranno più compatibili con l'attività didattica.

ART. 16
Nel plesso scolastico della Scuola Media sarà costituita, a cura della Commissione mista di cui al precedente art. 9, il seggio elettorale che si compone di quattro ragazzi e un presidente che assistono alle votazioni e hanno l'obbligo di riconoscerne la regolarità e accertare il numero dei voti dei vari candidati.
Il seggio sarà integrato dalla presenza di un adulto che coadiuva le operazioni sopra citate.

ART. 17
La Giunta Comunale, in sede di predisposizione del bilancio di previsione, individua un budget in denaro da assegnare al Consiglio Comunale dei Ragazzi per lo svolgimento delle proprie attività, una parte del quale destinato alle finalità previste nel precedente art. 2, comma 2.

Per la gestione di tale budget il Consiglio Comunale dei Ragazzi si avvale della collaborazione degli uffici comunali.
Non sono previsti gettoni di presenza per le sedute dei Consiglieri né indennità di carica.



Link